I 7 errori che portano al fallimento dell’azienda

fallimento azienda

Non sempre il fallimento azienda è attribuibile solo a fattori esterni, anche se negli ultimi anni tutti i settori di mercato stanno attraversando un periodo di crisi. Molto spesso, infatti, soprattutto gli imprenditori meno esperti e attenti commettono gravi errori di pianificazione e organizzazione, che portano i progetti e le aziende al fallimento.

Nel parlare di fallimenti, quindi, dovresti tenere in considerazione questi 7 errori, che tutti rischiano di commettere nella gestione della loro attività imprenditoriale. Analizziamoli uno per uno.

Non avere una strategia chiara e una visione a lungo termine

Per mandare avanti un’attività in proprio è necessario avere le idee chiare, eppure sono ancora tanti gli imprenditori che procedono nello sviluppo del business navigando a vista. Inoltre è importante considerare un eventuale “piano B”, da mettere in atto qualora le cose andassero male o si verificasse un rallentamento negli affari.

Non solo: portare al successo un’azienda significa anche avere una visione strategica di lungo periodo, nonostante le difficoltà e la fatica portino a concentrarsi sul presente anziché pensare ad un futuro migliore.

Lavorare senza budget di spesa definiti porta al fallimento azienda

Mandare avanti un’azienda senza fare attenzione agli aspetti economici è un’altra causa di fallimento azienda e uno degli errori più gravi. Oltre a definire il budget mensile da dedicare agli investimenti, è importante stabilire quanto spendere ogni mese per evitare azioni di pubblicità, marketing e altre uscite che portano l’azienda a spendere più di quello che guadagna.

Certamente l’affitto di un locale è una spesa essenziale, ma prendere decisioni senza valutare le alternative potrebbe portare a investire più di quanto necessario. Se sei una startup, ad esempio, potresti valutare l’idea di lavorare in un incubatore d’impresa o in luoghi in cui hai a disposizione una scrivania a basso costo. Si tratta, infatti, di un buon modo per risparmiare se stai muovendo i primi passi come imprenditore e vuoi metterti al riparo da un fallimento azienda.

Non avere una politica di gestione clienti

Non saper arrivare a chiudere i contratti con i clienti, non saper gestire la relazione, ma anche fidarsi troppo per quanto riguarda i pagamenti sono rischi in grado di portare, se non analizzati, al fallimento. Molti, infatti, sono pronti ad approfittare della situazione e devi considerare che le tue necessità di imprenditore sono altrettanto importanti di quelle dei clienti.

Non saper selezionare personale di fiducia

Sapersi circondare di validi professionisti è una capacità che caratterizza il buon imprenditore. Un errore comune è, invece, assumere senza analizzare il profilo dei candidati, ad esempio per risparmiare sugli stipendi o per l’urgenza di avviare una nuova attività. La gestione del personale e la selezione accurata è un requisito essenziale per evitare fallimenti.

Un altro errore comune nell’assumere personale è non essere al corrente dei salari di mercato e rischiare, di conseguenza, di demotivare i dipendenti portando a un lavoro scadente. Garantire al personale un buon stipendio e la stabilità necessaria a vivere dignitosamente migliorano efficienza e qualità del lavoro.

Non sapersi dare uno stipendio

Un altro errore che porta al fallimento molte aziende è l’incapacità dell’imprenditore di assegnarsi uno stipendio, finendo per spendere molto più di quella che è la reale capacità economica. Di solito l’imprenditore è una persona orientata al risparmio, tuttavia non mancano i casi opposti e sono proprio questi a generare le condizioni per il fallimento dell’azienda.

Non investire abbastanza in marketing e pubblicità

Esistono ancora imprenditori e aziende che non credono nel marketing e nella pubblicità, eppure questo è un errore che si ripercuote sullo sviluppo dell’azienda. Il consiglio è non fare pubblicità in modo artigianale, ma rivolgersi a specialisti che conoscono il web marketing e le nuove tecnologie, assieme ai vantaggi che portano al business. Altrettanto importante è saper definire prezzo e caratteristiche del prodotto, analizzando la concorrenza e il mercato.

Lavorare senza monitorare i risultati

L’ultimo errore che porta ai fallimenti delle aziende è lavorare senza misurare i risultati in modo minuzioso, per capire se quello che si sta facendo. Ogni giorno, ogni settimana il bravo imprenditore misura i risultati del suo business, per avere sempre sotto controllo ogn cosa e gestire nel miglior modo l’azienda.

 Oltre a questi errori, nella gestione dell’attività è importante anche considerare la capacità di dotarsi di validi strumenti, come il gestionale ISILAB realizzato da un’azienda che, come vedi, conosce perfettamente le esigenze degli imprenditori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *